Menu

€1.171,00 RACCOLTI

Palla Amica

23%
Tempo rimasto
0
giorni rimasti
  • Donati

    €1.171,00

  • Obiettivo

    €5.000,00

  • Donatori

    8

Palla Amica” è il nuovo progetto di raccolta fondi promosso dall’associazione catanese “Un Futuro per l’Autismo Onlus” che intende offrire ai bambini e ai ragazzi con varie forme di autismo, la possibilità di vivere un’esperienza strutturata e formativa attraverso il semplice gioco del basket.

Lo sport si sa, ha da sempre rappresentato una delle possibilità più creative e privilegiate per valorizzare il tempo libero, sviluppare le relazioni interpersonali e migliorare le abilità motorie e cognitive. Consente di utilizzare il nostro corpo in schemi ordinati, funzionali e orientati al benessere personale ed è uno strumento fondamentale non solo per l’accrescimento delle proprie autonomie ma anche un mezzo di socializzazione e inclusione con i coetanei, attraverso il quale la persona può dimostrare a se stesso e agli altri le proprie capacità come soggetto attivo.

Nel caso specifico, il basket permette di canalizzare l’energia in movimenti fisici finalizzati e la palla diventa l’unico mezzo per comunicare messaggi ben definiti: attendere il proprio turno può corrispondere ad attendere il proprio turno nel dialogo, passare la palla può esprimere l’apertura allo scambio, mentre tirare a canestro può assumere il senso di sapersi proiettare in un programma con una meta (fare centro) raggiungibile dalle nostre capacità. È un gioco di squadra “democratico” che richiede una forte integrazione tra i compagni dove tutti devono essere attivi per tirare e realizzare tiri al canestro e dove il singolo è al servizio del gruppo.

dsc07243

Partendo da questa riflessione, l’associazione con il progetto “Palla Amica”, riesce a intervenire e migliorare le difficoltà di contenimento, comunicazione e relazione proprie delle persone con autismo, attraverso sequenze di esercizi mirati e compiuti dai singoli ragazzi: dalle più semplici come il palleggio, i passaggi e le prove di canestro, ad esercizi più “agonistici” come percorsi in palleggio, passaggi in corsa e gioco di squadra. Ogni gruppo è formato da un minimo di 6 partecipanti a un massimo di 10, e viene monitorato dagli psicologi Fabrizio D’Andrea e Anna Chiara Donzelli che si occupano della conduzione degli allenamenti; ad affiancarli ci sono gli operatori sportivi che con la loro esperienza nel campo dei disturbi dello spettro e/o  nell’ambito del basket, accompagnano ogni atleta in un rapporto numerico di 1:1, impegnandosi a offrire il giusto tipo di supporto (verbale, imitativo-gestuale, fisico) in ogni momento. Settimanalmente viene svolto un allenamento della durata di 1 ora per ciascun gruppo di bambini, suddivisi in tre categorie in modo da poter monitorare e definire meglio le loro attività, soprattutto in funzione delle attitudini dei partecipanti (principianti, bambini e avanzati).

dsc07096

Sostenere questa iniziativa vuol dire contribuire a una nuova forma di sport che permette di recuperare una dimensione sociale e formativa in quella ludica attraverso il divertimento nello stare insieme, l’esperienza di far parte di un gruppo e la semplice interazione con i coetanei. Con 5.000 euro potremo coprire le spese dell’intero corso – circa 20 lezioni per 6 mesi – di 18 ragazzi con disabilità psichiche. La vostra donazione ci aiuterà a “fare canestro” e a vincere contro i propri limiti perché «il basket è l’unico sport che tende al cielo. Per questo è una rivoluzione per chi è abituato a guardare sempre a terra».

dsc07287

Importo della donazione

Dona
  • Importo:

0 Comment

Leave a Comment

Your email address will not be published.

  TOP